Video ricetta: “Risotto allo Zafferano”

il sommelier ha abbinato:
D.o.c. Isonzo Friulano
CASTELLO DI SPESSA
clicca e leggi →
difficoltà: 
tempo: 45 minuti

risotto allo zafferano

Evito come la peste di chiamare i piatti con il nome della tradizione, perchè scatena sempre inutili polemiche tra puristi e innovatori, in questo caso è il classico risotto “Alla Milanese” che per i motivi appena citati ho preferito chiamare “Risotto allo Zafferano”(anche perchè non ha niente a che vedere con quello originale). Quello classico, quello tradizionale lo lasciamo fare agli esperti noi ci accontentiamo di prepararci in casa un delizioso primo colorato e profumato, senza troppe pretese, approfittandone per carpire qualche “trucchetto” e ottenere un bel risotto cremoso da gustare con gli amici o in famiglia.

Trita e ri-trita è la questione del brodo che ovviamente va fatto in casa, al momento, ma soprattutto senza quegli orribili “Dadi”.

Per vedere l’esecuzione del “Brodo vegetale” guardate questa video ricetta.

Buon divertimento!!!!!

L'abbinamento del Sommelier:

D.o.c. Isonzo Friulano
CASTELLO DI SPESSA
CLICCA QUI per visitare il sito web del produttore
D.o.c. Isonzo Friulano  CASTELLO DI SPESSA Loretto Pali è sempre stato un uomo del vino e per il vino. Il gruppo da lui formato, la Pali Wines è composta dal Castello di Spessa, in passato luogo di dimora di personaggi illustri quali Giacomo Casanova, oggi grande struttura ricettiva formata da enoteca, resort, golf club, hotel, ristorante, e soprattutto dalla cantina La Boatina, ritenuta da molti marchio d’eccellenza e stella luminosa nell’ eterogeneo mondo vitivinicolo Friulano. Ci troviamo infatti nella madre patria dei vini bianchi, tra Gorizia e Cormons, lungo il confine con la Slovenia, dove Pali produce, sia a nome DOC Collio, gemma preziosa del mondo enologico, sia a nome DOC Isonzo, una vasta gamma di prodotti dal profilo elevato per soddisfare palati esigenti. Tra questi spicca il bianco DOC Isonzo Friulano, noto storicamente come Tocai o Tocai friulano (didattica la famosa disputa sull’ utilizzo del nome con il vino Tokaj ungherese, risolta dall’ Unione Europea con decisione svantaggiosa per noi italiani, e seguente obbligo dell’impiego del nome Friulano), vitigno che sicuramente identifica più di altri la regione Friuli Venezia Giulia.
Caratteristiche organolettiche:
COLORE:  Limpido giallo paglierino.
OLFATTO:  Abbastanza intenso e complesso, fine con un bouquet in cui prevalgono sentori fruttati di pesca bianca, mandorle e floreale di rosa e glicine
GUSTO:  Secco, in bocca risulta pieno, abbastanza morbido,caldo e sapido, fresco, di qualità fine e persistente nel suo finale.
TEMPERATURA CONSIGLIATA:  10°- 12° C.
PREZZO IN ENOTECA:  9-10 euro circa.
Altro vino da segnalare:
Spumante Pertè Ribolla Gialla
CLICCA QUI per visitare il sito web del produttore
SCRIVI AL SOMMELIER: andrea@aglioincamicia.com
Partecipa anche tu, lascia un commento qui sotto: