Video ricetta: “Cornetti sfogliati 100% grano duro” (metodo alla francese)

difficoltà: 
tempo: 3-4 ore

cornetti grano duro

Ancora cornetti.….quelli buoni, fatti in casa,che profumano di burro…..sarà per il fatto che é una delle ricette più cliccate del mio blog o forse perché mi diverte il processo di sfogliatura…..boh in ogni caso li ho rifatti cambiando un solo ingrediente, la farina, ho usato la “semola rimacinata di grano duro”, un grano un po’ dimenticato o meglio, utilizzato più frequentemente per fare pasta fresca o pane (soprattutto al sud).

Io lo reputo un ingrediente nobile ricco di profumi, molto più valida della stra-usata doppio zero povera a livello nutrizionale e scarsa in proteine (glutine).

La farina di grano duro é molto versatile e assorbe molta più acqua di una farina bianca “00” quindi si presta particolarmente per gli impasti lievitati.
Risultato finale?
Cornetti meravigliosamente buoni e profumati!!!!!
Alcuni accorgimenti:
-Non é necessario lavorare troppo il primo impasto perché il processo meccanico stimola il glutine ed innervosisce la pasta rischiando di compromettere la sfogliatura.
-Evitare di fare troppa pressione con il mattarello perché non permette una buona distribuzione del burro e quindi una sfogliatura irregolare.
-Rispettare religiosamente i riposi in frigo perché permettono al burro di ritornare allo stato solido, se si scioglie si mescola all’impasto e addio effetto “sfogliato”.
-Rispettare i tempi di lievitazione.
Credo di aver detto abbastanza ora non resta che tirarsi su le maniche e provare a farli…..rimarrete soddisfatti!!!!!

Se vuoi provare i “cornetti sfogliati tradizionali alla francese” clicca QUI

Se cerchi una ricetta più semplice prova i “cornetti di pasta brioche” clicca QUI

Il tuo parere importantissimo per Aglio in Camicia scrivi critiche, pensieri o proposte sono preziose e favoriscono la crescita di questo progetto.
Rispondiamo sempre!!!!!
Clicca “COMMENTA” in fondo al post.
Contribuisci alla crescita di “Aglio in Camicia”:

Ingredienti

Partecipa anche tu, lascia un commento qui sotto: